La vigilia di Città di Varese-Saluzzo; la presentazione di Porro: «Partita piena di insidie. Vincere per abituarsi a vincere»

Domani alle 16:00 al “Franco Ossola” il Città di Varese ospiterà il Saluzzo nella gara valevole per la trentasettesima giornata del campionato di Serie D. Con i piemontesi sarà l’ultima gara casalinga della stagione regolare e l’obiettivo biancorosso è quello di ottenere il massimo per raggiungere aritmeticamente i playoff e provare a migliorare la quarta posizione attuale. Alla sfida il Città di Varese arriva con alle spalle uno score di otto punti nelle ultime quattro giornate frutto delle vittorie su Caronnese e Vado e dei pareggi con RG Ticino e Casale.

L’allenatore Gianluca Porro alla vigilia della sfida fa il punto della situazione con queste parole: «Potrebbe essere l’ultima partita in casa della stagione e ci teniamo a finire con il risultato migliore possibile ma c’è tutto da conquistarsi e per questo la mentalità e l’approccio devono essere aggressivi. C’è da sapere che servirà pazienza e dovremo essere bravi a non innervosirci. Non bisogna guardare la classifica perché ogni partita ha le sue insidie e per questo bisogna arrivarci con la testa giusta come è stato per le ultime uscite. A Casale abbiamo fatto molto bene ma quella partita ormai è storia». Con un risultato positivo l’accesso ai playoff sarebbe aritmetico: «Vincere porta abituarsi a vincere e, come siamo noi oggi in classifica al quarto posto, sappiamo che dovremo vincerle tutte fino all’ultima di maggio».
Della sfida non faranno parte lo squalificato Foschiani e l’infortunato Parpinel, che si sono aggiunti all’elenco degli indisponibili: «Le assenze le conosciamo tutti ma chi è disponibile è pronto a dare il massimo. In settimana i ragazzi li ho visti benissimo ma sappiamo che si può fare sempre di più: è questo lo spirito che ci deve sempre accompagnare».